cane

CANE MORDE? PROPRIETARIO CONDANNATO PER LESIONI

Il proprietario del cane è responsabile per le lesioni provocate dall’animale. Ne parliamo in Diritto prêt-à-porter, la nuova rubrica ideata dall’avv. Barbara Pirell

Nella terza puntata della nuova rubrica “Diritto prêt-à-porter” ideata dall’avv. Barbara Pirelli, parliamo della responsabilità del padrone del cane per le lesioni provocate dall’animale. Lo spunto è offerto dalla recente sentenza della Cassazione n. 3873/2018.
Proprietario del cane responsabile per le lesioni provocate dall’animale
C’è poco da fare, quando si decide di prendere un cane bisogna ricordarsi anche che si è responsabili di tutte le azioni commesse dall’animale di compagnia. Sia che il cane sia di taglia piccola oppure di taglia grande, l’amico a quattro zampe è sempre imprevedibile e per paura, per gelosia o per altri fattori contingenti può aggredire qualcuno.

Di regola,dunque,la responsabilità per i danni a cose o per le lesioni commesse in danno di persone ricade sempre sul proprietario dell’animale salvo provare il caso fortuito e cioè che il fatto si sia verificato per l’esistenza di un fattore esterno imprevedibile, inevitabile ed assolutamente eccezionale.

Nel caso in questione un uomo è stato condannato per il reato di lesioni(art. 582 c.p.) perché quattro suoi cani, uscendo dal cancello della sua abitazione, avevano aggredito un passante. La responsabilità dell’uomo è emersa non solo dalle dichiarazioni della persona offesa ma soprattutto dalla frettolosa e poco sicura chiusura del cancello che aveva determinato la fuoriuscita degli animali.

Non ha retto, invece, la tesi difensiva dell’uomo che ha ritenuto che la responsabilità del proprietario del cane non potesse basarsi esclusivamente sulle dichiarazioni della persona offesa non corredate da un documento che provasse la proprietà dell’uomo sui cani.

Leggi anche Cassazione: lesioni colpose per il padrone se i cani scappano dal cancello aggredendo passante

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *