DOPPIO RISARCIMENTO PER STESSO DANNO: SI PUÒ?

Cumulo indennizzo polizza infortuni e incidente stradale: la polizza privata può sommarsi al risarcimento versato dall’assicurazione per la rc-auto?

Tempo fa hai stipulato una polizza infortuni con una assicurazione che ti copre da qualsiasi tipo di danno. Da poco hai fatto un incidente stradale e, per causa dello scontro, sei stato al pronto soccorso con una prognosi di 20 giorni. Una volta guarito, hai presentato la richiesta di risarcimento all’assicurazione con cui hai firmato la polizza rc-auto che ti ha versato l’indennizzo con un assegno. Dopo di ciò, ti sei presentato all’altra assicurazione, quella con cui hai la polizza infortuni privata, per riscuotere la somma prevista dal contratto. L’agente però ti ha presentato un’offerta ridicola: a suo avviso, dalla misura di tale risarcimento deve essere detratto quanto hai già percepito con l’assicurazione obbligatoria sulla circolazione stradale. È davvero così? È lecito il cumulo tra le due polizze? Si può avere il doppio risarcimento per lo stesso danno?

La questione è stata analizzata un anno fa dalle Sezioni Unite della Cassazione [1] con una sentenza che ha fatto storia ma che merita di essere spiegata.

Ecco allora alcuni chiarimenti in merito al cumulo di indennizzo tra la polizza infortuni e l’assicurazione rc-auto.

Indice

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *