incident

UNA MULTA AL GIORNO PER ASSICURAZIONI E REVISIONI SCADUTE

Dieci varchi elettronici a presidio dei territori comunali di Thiene, Zanè, Sarcedo e Zugliano, per un flusso veicolare di 100 mila transiti giornalieri. Dieci occhi elettronici che vigilano su ogni singolo veicoli che viaggia lungo le maggiori arterie dell’Alto Vicentino, segnalando immediatamente al consorzio di polizia locale Nordest Vicentino l’eventuale passaggio di veicoli rubati o con assicurazione e revisione scaduta. In particolare, nei primi due mesi del 2018 sono state controllate complessivamente circa sette milioni di auto e i varchi ne hanno pizzicate sei senza assicurazione e una cinquantina con revisione scaduta. È questo l’innovativo progetto di sicurezza realizzato dai quattro Comuni, supportati da Pasubio Tecnologia, e un investimento di oltre 120 mila euro con la compartecipazione economica della Regione. «È un sistema di importanza strategica che ci permetterà di aumentare la sicurezza in tutta l’area grazie alla sinergia messa in atto dai Comuni di Thiene, Sarcedo, Zanè e Zugliano – rileva il comandante del consorzio Nevi Giovanni Scarpellini -. Con il controllo assicurato dai varchi viene potenziata ulteriormente la possibilità di contrasto e prevenzione dei reati sul territorio». Si tratta di un sistema automatizzato di lettura, riconoscimento e notifica delle targhe dei veicoli per il controllo degli accessi all’interno di un anello di sensori di riconoscimento, i “varchi”, posizionato sul territorio (due a Sarcedo, quattro a Thiene, tre a Zanè e uno a Zugliano) e attivo giorno e notte grazie alla telecamere in grado di indicare anche nelle ore notturne la marca, la forma e il colore delle auto. Ogni agente ha poi in dotazione un palmare dove è stata caricata un’App che permette di vedere il flusso di targhe e di ricevere l’allarme non appena il varco rileva un auto fuori regola. In questo modo la polizia locale può intervenire immediatamente, fermando il mezzo per verificare la documentazione. «La nostra volontà è quella di estendere questo progetto anche ad altri comuni e altre realtà di polizia locale, come Malo e Valdagno – ha spiegato Alberto Samperi, assessore alla sicurezza – in modo da creare un’ampia rete di controllo e aumentare così il livello di sicurezza del nostro territorio». «L’indirizzo politico che abbiamo dato alla polizia locale – ha precisato Maria Teresa Sperotto, presidente dell’assemblea dei soci del Consorzio Nevi – è quello di prevenire tutta una serie di fatti e comportamenti che possono portare a conclusioni drammatiche». «Implementare la collaborazione tra Comuni va a migliorare i servizi ai cittadini ai quali dobbiamo garantire sicurezza e tranquillità», ha concluso il sindaco di Thiene Gianni Casarotto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandra Dall’Igna.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *